Il gioco è vietato ai minori di anni 18 e può creare dipendenza!
Gioca responsabilmente. Consulta le possibilità di vincere su www.aams.it

Casinò Municipale di Venezia

Il più antico casinò al mondo, il casinò di Venezia venne inaugurato nel 1638. Sorgendo sul Canal Grande del capoluogo veneto, questo palazzo è divenuto anche uno dei più belli al mondo. Addirittura Wagner spese gli ultimi anni qui, completando la sua ultima opera, Parsifal, fino alla sua morte.

Nel 1999 è stato aperto Ca’ Noghera, a pochi chilometri dall’aeroporto, sempre facente parte dell’azienda Casinò Municipale di Venezia Spa; nello stesso periodo venne aperto anche uno sull’isola di Malta.

Sale dei giochi francesi, tavoli americani, slot machine: si può trovare di tutto. Roulette, Chemin de Fer, Trente e Quarante, Punto Banco, Texas Hold’em Poker, Black Jack, Fair Roulette e il Caribbean Stud Poker. Ai tavoli si trovano i migliori professionisti. Per un ambiente più informale invece, le 600 slot machine offrono 700 postazioni di gioco… Tutto ciò in continua evoluzione.

Se si desidera partecipare a tornei, al casinò di Venezia è possibile giocare a gare nazionali e internazionali. Texas Hold’em, Chemin de Fer, Roulette Francese e addirittura WPT.

Le due sedi inoltre accolgono una miriade di eventi: concerti, discoteche, musica live, piano bar, spettacoli, cene di gala. Gioco e intrattenimento si mescolano per dare vita alle serate più indimenticabili.

Sono tante anche le promozioni per i clienti dei casinò, dalle offerte dei drink e snack, benefit di gioco, ticket slot o chip in omaggio. Non può mancare la Club Card, la carta per gli abituali che riservano tanti vantaggi per i loro possessori.

Il dress code per il casinò richiede l’uso della giacca in alcune sale e l’obbligo comunque di un abbigliamento decoroso in tutti gli ambienti.

Il 13 febbraio 1995 la stanza del piano mezzanino è stata donata dal Comune all’Associazione Richard Wagner. Dal 2003, anche le stanze adiacenti sono state adibite a museo, per regalare al pubblico la visione dei luoghi in cui visse il celebre maestro che, in fuga dal frastuono della grande città, aveva trovato in Venezia il posto ideale per comporre la sua musica.